Biennale Danza, Musica e Teatro 2019

Dal 21 al 30 giugno si terrà il 13. Festival Internazionale di Danza Contemporanea, intitolato ON BEcOMING A SmArT GOd-dESS e diretto da Marie Chouinard, con 29 spettacoli di 22 coreografi  e compagnie da tutto il mondo, tra cui 5 prime assolute, 9 prime nazionali e 8 interventi inediti creati per il teatro all’aperto nel cuore della città.

Protagonisti di questa edizione saranno Alessandro  Sciarroni (Leone d’Oro alla carriera), il duo Théo Mercier  e Steven Michel, premiato con il Leone d’Argento, William Forsythe, Nicola Gunn, Nicolás Poggi e Luciano Rosso, Michelle Moura, Katia-Marie Germain, Simona Bertozzi, Luke George e Daniel Kok, Giuseppe Chico e Barbara Matijević, Doris Uhlich, Bára Sigfúsdóttir, Sasha Wlatz, Daniel Léveillé, Maria Chiara de’ Nobili.

Numerosi saranno gli incontri e le conversazioni con gli artisti al Giardino Marceglia dell’Arsenale dove si terrà anche un ciclo di proiezioni che allargherà lo sguardo con la danza oltre la danza.

Infine, alcuni degli artisti ospiti porteranno la danza direttamente nel fluire della vita quotidiana facendo dialogare le loro creazioni con il mondo esterno: saranno brevi interventi coreografici, tutti in Via Garibaldi, su un palcoscenico allestito per l’occasione.

Foto: Forecasting di Giuseppe Chico e Barbara Matijević, ph:  ©Yelena Remetin

Dal 22 luglio al 5 agosto si terrà il 47. Festival Internazionale del Teatro e diretto da Antonio Latella.

Il Festival affronterà quest’anno il suo terzo atto con Drammaturgie evidenziando diversi tipi di drammaturgia e dell'essere drammaturghi, con il lavoro di  14 artisti, ognuno con più titoli in una sorta di breve “biografia artistica” in un complesso di 28 spettacoli di cui 23 novità, 2 in prima europea e 6 in prima assoluta.

Speciale attenzione verrà data alla drammaturgia destinata al teatro-ragazzi, nata per creare un nuovo pubblico, crescerlo e proteggerlo dall’ovvietà, proponendo grande teatro non rivolto soltanto a un pubblico giovane o molto giovane.

Proprio dal teatro-ragazzi dell’olandese Jetse Batelaan, Leone d’Argento, prenderà il via il 22 luglio il Festival, che vedrà poi tra i suoi protagonisti Oliver Frljić, Sebastian Nübling, Susie Dee, Alessandro Serra, Manuela Infante, Paola Vannoni e Roberto Scappin, noti come Quotidianacom, Pino Carbone, Lucia Calamaro, Julian Hetzel, Miet Warlop, l’ensemble di teatro musicale Club Gewalt da Rotterdam, ed infine Jens Hillje premiato con il Leone d’oro alla carriera.

Il tema drammaturgie sarà inoltre sotto i riflettori di un simposio con alcuni esponenti delle migliori riviste internazionali di teatro, oltreché oggetto degli incontri quotidiani con gli artisti del Festival.

 

Dal 27 settembre al 6 ottobre il 63. Festival Internazionale di Musica Contemporanea, Back to Europe, diretto da Ivan Fedele, presenterà 16 appuntamenti per un totale di 30 prime esecuzioni: 19 assolute (con 12 commissioni della Biennale) e 11 italiane.

Il Festival si occuperà di alcune delle realtà più interessanti del “Vecchio Continente”, che resta un punto di riferimento della musica e, in generale, della cultura del nostro tempo. 

Anche lo spazio di ascolto della musica si trasformerà con interpreti-performer, ambienti sonori scenografici e installazioni multimediali immersive.

In accordo con questo tema è George BenjaminLeone d’Oro alla carriera 2019 che inaugurerà il Festival il 27 settembre con il suo primo lavoro operistico di ampio respiro; la programmazione proseguirà poi con il contributo di Georges Aperghis, e di artisti di nuove generazioni come Matteo Franceschini, premiato con il Leone d’Argento, Emanuela Battigelli, l’Ensemble Spirito, l’ Ensemble Arsenale, Hermes Ensemble, Solisti Aquilani, Quartetto Prometeo, il Meitar Ensemble, il Plural Ensemble, l’Orchestra della ToscanaMohini Dey, il Malafede Trio ed il Nieuw ensemble / Atlas Ensemble.